Skip to main content

WIND OF CHANGE (Scorpions, 1991)

The Times They Are A-Changing cantava Bob Dylan nel 1964 anticipando i temi e le lotte sociali degli anni 60.

Nel 1973 James Brown canta The Payback per parlare dei diritti civili in America.

Nel 1970 Crosby, Stills, Nash & Young cantano Woodstock e la stagione hippy.

Nel 1971 John Lennon scrive Imagine per protestare contro la guerra in Vietnam e tutte le guerre nel mondo.

Gli esempi sono tanti, ma c’è un disco che rappresenta appieno i fatti del suo tempo, è Crazy World degli Scorpions.

Nel 1989: gli Scorpions suonano a Mosca come ospiti speciali del Moscow Peace Festival, uno dei principali raduni rock che si tengono in quella che si chiama ancora Unione Sovietica.

Klaus Meine rimane impressionato dall’atmosfera pacifica del festival e dall’accoglienza del pubblico di Mosca, e scrive un testo che comincia così:

“Ho seguito il corso del fiume Moskva fino a Gorky Park, seguendo il vento del cambiamento”…

E’ una power ballad e viene inserita nel disco Crazy World…ma nel frattempo succede una cosa straordinaria: il 9 novembre del 1989 cade il muro di Berlino il 3 ottobre del 1990 la Germania Est e la Germania Ovest si riuniscono.

1989-11-11-caduta-muro-berlino1

E’ il vento del cambiamento di cui parlava Klaus Meine e Wind of Change diventa l’inno non ufficiale della riunificazione tedesca.

Esce come singolo nell’aprile del 1991 ed è, ovviamente, un successo.

Seguo la Moskva
giù al Gorky Park
ascoltando il vento del cambiamento
una estiva notte d’agosto
i soldati passano oltre
ascoltando il vento del cambiamento
Il mondo è vicino
avresti mai pensato
che noi potessimo essere così vicini, come fratelli?
il futuro è nell’aria
lo posso sentire ovunque
soffiare con il vento del cambiamento
RIT1: portami alla magia dl momento
in una notte gloriosa
dove i bambini di domani sognano
nel vento del cambiamento
camminando per la strada
ricordi lontani
sono sepolti nel passato per sempre
seguo la Moskva
giù al Gorky Park
ascoltando il vento del cambiamento
RIT2: portami alla magia del momento
in una notte di gloria
dove i bambini di domani condividono i loro sogni
nel vento del cambiamento
RIT1
il vento del cambiamento
soffia diritto in faccia al tempo
come un tampesta che suonerà la campana della libertà
per la pace della mente
lascia cantare la tua balalaika
ciò che la mia chitarra vuole dirà

Samuele

Tecnico di regia radio/TV e fonico freelance. Ho iniziato a fare radio illegalmente nella cantina di casa, genio del suono e non solo. Mi piace mangiare male e fumare ancora peggio.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.