Skip to main content
God save the quuen

31 MAGGIO 1977

La canzone dei Sex Pistols, God Save the Queen, viene bandita dalla BBC dalla sua programmazione radio.

God save the quuen

 

Chi di voi non ha mai sognato per il suo compleanno o per il suo anniversario di non-so-quale-cosa di ricevere una canzone a lui/lei dedicata da una delle band più in luce nel panorama musicale del momento?

Bene, alla regina Elisabetta II successe proprio questo, in occasione del suo Giubileo d’Argento. Solo che la canzone non fu proprio in onore della regina, bensì uno degli inni più espressivi della rivolta punk inglese, che al grido di No Future stava invadendo le strade delle maggiori città britanniche.

E siccome non era molto facile suonarla di persona davanti alla regina ( pensate se voi vorreste qualcuno che, durante la festa in vostro onore, vi canti God Save the Queen/ the fascist regime/ they made you a moron), i Sex Pistols pensarono bene di noleggiare una barca e il 7 giugno suonarla sul Tamigi davanti a Westminster.

Nonostante la censura, la canzone raggiunse la seconda posizione della UK Singles Chart, anche se voci di corridoio affermano che la canzone avrebbe tranquillamente raggiunto la prima posizione, ma la classifica fu modificata, per non darla vinta alla rivolta punk.

 

Andrea

Appassionato di ogni genere di musica fin da giovane età, una delle poche cose senza cui mi è impossibile vivere. Una strada contorta e svariata, partendo dal punk rock, passando per il rock classico, blues, jazz e indie. Un'unica certezza: "Abbiate una fiducia di ferro in voi stessi, ma dubitate sempre: vi tiene svegli e all’erta. Pensate sempre di essere i figli di puttana più fichi della città, e pensate sempre che fate schifo!"

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.