Skip to main content
Kennedy Center Honors

I migliori tributi al premio Kennedy Center Honors

Lasciamo stare i nostri Wind Awards e premi vari, e spostiamoci per un momento in America.

Ogni anno vengono consegnati i Kennedy Center Honors, riconoscimento che viene dato a persone che grazie alle loro creazioni (artistiche, musicali, televisive) hanno contribuito nell’ampliare e migliorare la cultura americana.

Kennedy Center Honors

Durante la serata diversi artisti rendono omaggio ai loro colleghi con favolose performance. Di seguito i video di quelle che ritengo le più belle.

Heart’s Ann and Nancy Wilson – Stairway to Heaven (2012)

Nel 2012 viene riconosciuto il premio ai Led Zeppelin. Sul palco sfilano i Foo Fighters, Lenny Kravitz, Kid Rock. Ma alla fine Heart’s Ann e Nancy Wilson propongono Stairway to Heaven, forse il capolavoro dei Led Zeppelin.

Il brano è accompagnato da un coro che esplode nel finale, ma sopratutto alla batteria c’è il figlio di John Bonham, quel Bonzo che troppo prematuramente ha abbandonato i Led. La faccia di Robert Plant dice tutto: in silenzio, con gli occhi lucidi, quasi che si chiedesse “L’abbiamo scritto noi questo capolavoro?”

Ben Harper and Jennifer Nettles – I’m On Fire (2009)

Nel 2009, tra la platea dei premiati c’è Bruce Springsteen. Ben Harper e Jennifer Nettles si cimentano in un bellissimo duetto di I’m on Fire.

Dave Grohl – Who are You (2008)

Chi meglio di Dave Grohl, con tutta la sua grinta, poteva interpretare questo inno degli The Who?

Billy Joel – Bennie and the Jets Medley (2004)

We still argue about who’s better/Elton John or Billy Joel cantano i Daughtry in Long Live Rock&Roll.

Forse perchè negli anni ’80 i due erano i rappresentanti di una lotta tra America e Inghilterra sullo stesso stile musicale.

E qui proprio Billie Joel che rende omaggio all’amico/nemico Elton John.

Bruce Springsteen – The Times They Are A-Changin’ (1997)

Il 1997 è l’anno in cui il premio viene riconosciuto alla voce di un secolo, Bob Dylan.

Bruce (o Ben Affleck?) interpreta una delle sue canzoni più famose, inno di una generazione in rivolta.

Folsom Prison Blues Medley – Rosanne Cash/Guests (1996)

Per rendere omaggio al Man in Black Johnny Cash, viene interpretato un medley di suoi brani da diversi ospiti e dalla figlia Rosanne Cash.

Juanes & Steva Vai – Hotel California (2016)

Per gli Eagles Juanes e il maestro della chitarra Steva Vai mettono in scena Hotel California, il brano simbolo della band californiana.

Rufus Wainwright – New York State Of Mind / Piano Man (2013)

Ed eccolo proprio lui, Billie Joel, a ricevere il riconoscimento.

E Rufus Wainwright propone un bellissimo medley di due delle sue canzoni/simbolo.

Sting – The Rising (2009)

Questa versione di The Rising, targata Sting, ha ben poco da invidiare a quella originale del nostro amato Bruce Springsteen. Da notare l’intensità d’esecuzione da parte del leader dei Police e soprattutto lo sguardo attento e commosso di Springsteen. Ah, poi c’è la standing ovation iniziata da Obama in persona…

Bruce Springsteen – I Hung My Head (2014)

Questa volta Sting e Bruce Springsteen si scambiano i ruoli ed è proprio quest’ultimo ad offrire al collega una splendida e commovente performance di I Hung My Head

 

 

Andrea

Appassionato di ogni genere di musica fin da giovane età, una delle poche cose senza cui mi è impossibile vivere. Una strada contorta e svariata, partendo dal punk rock, passando per il rock classico, blues, jazz e indie. Un'unica certezza: "Abbiate una fiducia di ferro in voi stessi, ma dubitate sempre: vi tiene svegli e all’erta. Pensate sempre di essere i figli di puttana più fichi della città, e pensate sempre che fate schifo!"

Rispondi