Skip to main content

BAD (U2 1984)

“Se potessi attraverso di me donare la libertà al tuo spirito, avrei guidato lontano il tuo cuore, ti vedo scappare via attraverso la luce e verso il giorno…”

Bad è contenuta nell’album “The Unforgettable Fire” del 1984.

Che dire, è devastante. Molte sono le interpretazioni a questa canzone, ma fu lo stesso Bono ha raccontare il vero significato: la dipendenza dall’eroina ed in particolare è stata scritta per un caro amico del cantante, morto per overdose proprio il giorno del suo ventunesimo compleanno.

Il testo parla della liberazione dell’anima, dopo tanta sofferenza, desolazione, solitudine; Bono urla più volte di “lasciarla andare”, dice: “se io potessi lo farei, ti darei la libertà dalla sofferenza”, ma usando il condizionale, ammette che questo non è tra i suoi poteri, spetta a qualcun’altro.

Bono

“If you twist and turn away 
If you tear yourself in two again 
If I could, yes I would 
If I could, I would 
Let it go 
Surrender… 
Dislocate… 

If I could throw this 
Lifeless lifeline to the wind 
Leave this heart of clay 
See you walk, walk away 
Into the night 
And through the rain 
Into the half-light 
And through the flame 

If I could through myself 
Set your spirit free 
I’d lead your heart away 
See you break, break away 
Into the light… 
And to the day 

If you should ask then maybe they’d 
Tell you what I would say 
True colors fly in blue and black 
Bruised silken sky and burning flag 
Colors crash, collide in blood shot eyes 

If I could, you know I would 
If I could, I would 
Let it go… 

This desparation… 
Dislocation… 
Separation… 
Condemnation… 
Revelation… 
In temptation… 
Isolation… 
Desolation… 

Spendete otto minuti per vedere questa versione live, ne vale la pena.

Sentite la batteria che cresce e martella il cuore? Sentite la voce sovrannaturale di Bono? E’ in grado di trasmetterti nella carne la sofferenza e la disperazione, quando nel finale urla:

“Let it go! And so fade away 
To let it go! And so fade away 
To let it go! And so to fade away 
I’m wide awake! I’m wide awake! 
Wide awake! 
I’m not sleeping, oh no, no, no…”

Buon ascolto!

Mario

Mario

Laureato in economia, ma ciò che amo veramente è la musica e provo anche a scriverci qualcosa. “A Beethoven e Sinatra preferisco l’insalata, a Vivaldi l’uva passa che mi dà più calorie“ Follow @guerci_mario

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.