Skip to main content

BRING IT ON HOME TO ME (The Animals 1965)


La band si forma intorno agli anni sessanta quando Eric Burdon incontra gli  Alan Price Rhythm and Blues Combo. Il primo singolo è The House Of The Rising Sun, super famosa, cantata, coverizzata, remixata, riarrangiata ecc…

Gli animals incidono tra il 1964/65 alcuni 45 giri con cover di artisti molto famosi come la canzone che vi si propone oggi: Bring it on home to me è di Sam Cooke e l’interpretazione non si allontana di molto dall’originale, stessi coretti ma forse un po’ meno melodia;  c’è da dire che forse Sam è un po’ più sincero nell’interpretare il testo, ciò nonostante nel video della versione che vi propongo Eric Burdon è bellissimo esplendido!  Si presenta tutto composto e pacato ma si vede da come abbassa gli occhi che ha in mente cosa sta cantando!

(il mio momento preferito è a 0:40 sec)

Il testo è un po’ da servo della gleba come andava in quegli anni ma la richiesta è semplice e chiara!

“If you ever change your mind
About leaving, leaving me behind
Oh-oh, bring it to me
Bring your sweet loving
Bring it on home to me, yeah (yeah) yeah (yeah) yeah (yeah)

I know I laughed when you left
But now I know I only hurt myself
Oh-oh, bring it to me
Bring your sweet loving
Bring it on home to me, yeah (yeah) yeah (yeah) yeah (yeah)

I’ll give you jewellery and money, too
That ain’t all, that ain’t all I’ll do for you
Oh, if you bring it to me
Bring your sweet loving
Bring it on home to me, yeah (yeah) yeah (yeah) yeah (yeah)

You know I’ll always be your slave
‘Til I’m buried, buried in my grave
Oh honey, bring it to me
Bring your sweet loving
Bring it on home to me”.

Buona giornata!

Marta

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.