Skip to main content
Overkill

OVERKILL (Men At Work 1983)

Overkill” è una canzone dei “Men At Work”, band australiana divenuta famosa negli anni ’80.

Il testo è interamente opera del leader e cantante, Colin Hay.

Men at Work

Dal punto di vista musicale ciò che voglio sottolineare è la voce molto particolare del cantante, il tono profondo e l’accento australiano sono un mix spettacolare. Il ritmo è incalzante e sembra quasi che la batteria ed il basso ci preparino a qualcosa di imminente (un cambio di ritmo, o ritornello) che però non arriva mai.

Cosa importante prima di leggere il testo è comprendere cosa si intende con il termine “Overkill”, in senso figurato significa reagire in maniera spropositata, o prendere una cosa troppo seriamente, preoccuparsi troppo.

Il testo racconta di un qualcosa, una situazione, un pensiero che tormenta il cantante; non lo lascia in pace; soprattutto di notte, prima di andare a dormire, i pensieri angoscianti tornano e lo tormentano.

Il video è abbastanza brutto:

“Esagerazione

non riesco a prender sonno

penso alle implicazioni

di andare troppo a fondo

e ipotizzo complicazioni

Specialmente di notte

mi preoccupo della situazione

so che andrà  tutto bene

Forse è solo la mia immaginazione

giorno dopo giorno ricompare

notte dopo notte il battito del mio cuore tradisce la paura

Fantasmi compaiono e svaniscono

Starsene solo fra le lenzuola

porta solo all’esasperazione

è ora di camminare per la strada

fiutare la disperazione

Almeno ci sono delle belle luci

e sebbene cambi poco

impedisce alla notte di esagerare

giorno dopo giorno ricompare

notte dopo notte il battito del mio cuore tradisce la paura

Fantasmi compaiono e svaniscono

tornate un’altro giorno

non riesco a prender sonno

penso alle implicazioni

di andare troppo a fondo

e ipotizzo complicazioni

Specialmente di notte

mi preoccupo della situazione

so che andrà  tutto bene

Forse è solo un’esagerazione

giorno dopo giorno ricompare

notte dopo notte il battito del mio cuore tradisce la paura

Fantasmi compaiono e svaniscono”

Sono solo preoccupazioni esagerate oppure questi fantasmi sono reali?

“Non riesco a prender sonno penso alle implicazioni di andare troppo a fondo e ipotizzo complicazioni…”

 Buon ascolto,

Mario

Mario

Laureato in economia, ma ciò che amo veramente è la musica e provo anche a scriverci qualcosa. “A Beethoven e Sinatra preferisco l’insalata, a Vivaldi l’uva passa che mi dà più calorie“ Follow @guerci_mario

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.