Skip to main content

RUBY TUESDAY (The Rolling Stones 1967)

Ruby Tuesday è una canzone della band inglese The Rolling Stones, inserita nell’album Between The Buttons pubblicato il 20 Gennaio di 46 anni fa.

The Rolling Stones, 2013
The Rolling Stones, 2013

In realtà, se devo essere sincero, la canzone fu inserita nella pubblicazione americana, uscita qualche settimana dopo quella inglese.

Come singolo, raggiunse il primo posto nelle classifiche degli Stati Uniti e il terzo in quelle britanniche. Nel 2004 la rivista Rolling Stone collocò il pezzo al 303º posto nella sua lista delle 500 migliori canzoni di tutti i tempi.

La cosa molto divertente riguardo questo brano è l’incertezza sulla paternità del pezzo; infatti ciascun membro della band dice la sua: secondo Jegger è solo sua, la cantante Marianne Faithfull nella sua autobiografia l’accredita a Richards e a Brian Jones ed in fine il bassista Bill Wyman l’attribuisce al solo Richards.

Sarebbe quest’ultima la versione più creditizia, Keith Richards in un’intervista al Rolling Stone Magazine, dichiarò di aver composto la canzone in una stanza di hotel a Los Angeles nel 1966. Dichiarò inoltre che il soggetto della canzone era una groupie da lui conosciuta; il pezzo è incentrato infatti intorno a una figura femminile descritta come uno “spirito libero”.

Kate Richards insieme ad una delle sue innumerevoli groupie
Keith Richards insieme ad una delle sue innumerevoli groupie

Lasciamoci allora addolcire dalla canzone del giorno, un brano semplice e nostalgico, capace di attraversare 46 anni di musica ed essere ancora oggi piacevole da ascoltare!

“She would never say where she came from 
Yesterday don’t matter if it’s gone 
While the sun is bright 
Or in the darkest night 
No one knows 
She comes and goes 

Goodbye, Ruby Tuesday 
Who could hang a name on you? 
When you change with every new day 
Still I’m gonna miss you… 

Don’t question why she needs to be so free 
She’ll tell you it’s the only way to be 
She just can’t be chained 
To a life where nothing’s gained 
And nothing’s lost 
At such a cost 

There’s no time to lose, I heard her say 
Catch your dreams before they slip away 
Dying all the time 
Lose your dreams 
And you will lose your mind. 
Ain’t life unkind?”

Buona Domenica e buon ascolto!

Mario

Mario

Laureato in economia, ma ciò che amo veramente è la musica e provo anche a scriverci qualcosa. “A Beethoven e Sinatra preferisco l’insalata, a Vivaldi l’uva passa che mi dà più calorie“ Follow @guerci_mario

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.