Skip to main content

Intervista: COMA_COSE

Siamo riusciti finalmente a fare qualche domanda a Fausto e a California che assieme formano Coma_Cose, freschissimo duo milanese che negli ultimi mesi sta facendo parlare molto (e bene) di sé. 

Il rap, l’elettronica, e due chiacchiere sotto casa mentre chiudono i bar del Naviglio Pavese, Il tabaccaio di Via Gola, la fragilità di capirsi e le riflessioni cosmiche sulla quotidianità.

Coma_Cose
Coma_Cose: Fausto & California

“Coma_Cose racconta la Milano che abita, l’attitudine urbana, la lontananza e la Presabene, se non ci passi non capisci, se non capisci probabilmente non saremo mai amici, però ti voglio bene ugualmente e un po’ mi manchi”

Noi del maiale rosa gli abbiamo chiesto due cose per capire di più chi sono: si parla di Twin Peaks, si cita il grande Lucio Dalla e ora sappiamo pure un nuovo posto “YO” dove andare a bere a Milano… e che volete di più?!

Leggete và:

ITF: La nostra musica suona come “gli ingressi dei palazzi di Milano di notte”, Laura Palmer o giù di lì”. 

Penso non ci sia frase più azzeccata per descrivere il vostro sound/mood; come è nata l’idea di fare questo tipo di musica (grime forse??) che comunque si allontana parecchio da ciò che c’è in giro ora? 

C_S / Fausto: Tutto è nato in modo spontaneo. Sicuramente io e California abbiamo backgrounds diversi, e l’ intenzione fin dall’inizio era quella di fare gravitare liberamente tutto ciò che ci passa per la testa.

Coma_Cose: California

ITF: Laura Palmer… la state guardando la terza stagione di Twin Peaks?

C_S / California: In realtà ci siamo arenati dopo la prima perché già la seconda è troppo mainstream. A parte di scherzi, io sono di Pordenone e certi paesi della provincia friulana non hanno niente da invidiare agli scenari di David Lynch… sarà che certe cose te le porti dentro!

ITF: Come vi siete conosciuti e com’è nata l’idea di questo progetto musicale? Il nome Coma_Cose?

C_S / Fausto: Ci siamo conosciuti a Milano, facevamo i commessi nello stesso negozio. Coma _Cose non è nient’altro che: le cose che hanno a che fare con il coma. Se poi da questo coma bisogna risvegliarsi o caderci, lo stiamo ancora capendo!

ITF: Come vi siete avvicinati alla musica? Avete iniziato con il rap?

C_S / Fausto: il rap, il rock sperimentale, un certo tipo di elettronica… insomma sono molti i generi che ho affrontato nella mia esperienza musicale. Ma il mio imprinting è sicuramente dato dall’ ‘hip hop’, parola che ahimè risulta sempre più altisonante.

ITF: Mi dite un artista a testa che vi ha fatto segnato?

C_S / Fausto: Sid Barret.

C_S / California: Amy Winehouse.

ITF: Vi seguo dal vostro primo pezzo “Cannibalismo” è una delle cose che più mi ha colpito è stata la cura dell’aspetto comunicativo a 360°: i video perfetti, l’uso dei social, l’aver creato un intorno a voi un mood (non so sia la parola corretta) ben riconoscibile e che prende bene. Tutto questo era pensato o è solo una mia pippa?

C_S / California: ti ringrazio visto che questa domanda suona come un complimento, è innegabile che mettiamo molta cura nel realizzare i nostri contenuti, ma un po’ come per la musica il risultato arriva in modo molto naturale e forse è proprio questo che rafforza il nostro ‘mood’ (mood va benissimo! Hahah).

ITF: Milano. Milano è un aspetto chiave di Coma_Cose; dalle vostre canzoni quello che passa è un grande affetto per questa città (forse mi sbaglio). Cos’è Milano per voi?

C_S: “Milano a portata di mano, ti fa una domanda in tedesco e ti risponde in siciliano”.

(Lucio Dalla)

ITF: Ci consigliate un po’ di posti a Milano dove andare a bere?

C_S / California: Te ne diciamo uno su tutti: Peppuccio, dritto di fronte alla darsena. Lui è scorbutico ma ha un cuore di zucchero (come i lecca-lecca che ti regala se gli stai simpatico). La musica in sottofondo è sempre jazz o fusion super ricercata..e tra una birra e l’ altra ti senti a casa.

ITF: Com’è andata al Woodoo Fest? Suonare per la prima volta (seria) dal vivo com’è stato?

C_S / California: nonostante avessi già avuto qualche esperienza di palcoscenico per me salire su un palco con questo progetto è sempre un’emozione forte e nuova. Il live è un aspetto su cui stiamo lavorando proprio in questo periodo, il fatto che ci siano arrivate molte richieste per suonare dal vivo è una figata e speriamo che la prossima stagione ci porti a visitare tante nuove città italiane.

ITF: Se vi faccio un po’ di nomi mi dite si/no? Carl Brave X Franco 126? Willie Peyote? Coez? Dark Polo Gang? Tedua? Rkomi? Vabbè, credete sia un buon momento per la musica in Italia, Rap e non?

C_S / Fausto: Pensiamo che non stia ad un artista giudicarne un altro, sicuramente tutti quelli che hai citato stanno avendo un bel seguito e quando un artista piace vuol dire che alla base c’è del talento. Per quanto riguarda il momento musicale che stiamo vivendo, assolutamente si, i social network hanno abbattuto ogni ostacolo tra produzione e fruizione e questo permette di accorciare di moltissimo i tempi di crescita di chi fa musica. Il rovescio della medaglia è che è tutto velocissimo e a volte ci capita di sentire dei brani che meriterebbero di più, ma questa è la legge della giungla.

ITF: Cosa avete in ballo per il prossimo futuro? Uscirà un album? Ep? (non aspettiamo altro).

La parola chiave è autunno, usciranno pezzi nuovi, video e altro materiale relativo ai Coma_Cose, il fatto di procedere liberi e in questa modalità ‘un brano alla volta’ ci permette di esplorare mondi diversi in modo istintivo, i brani nuovi sono quasi pronti non vediamo l’ ora di buttarli fuori!

 

🍒nel Beauty ricordati lo spazzolino che non te lo presto!🍒

Un post condiviso da Coma_Cose (@coma_cose) in data:

 

 

Mario

Laureato in economia, ma ciò che amo veramente è la musica e provo anche a scriverci qualcosa. “A Beethoven e Sinatra preferisco l’insalata, a Vivaldi l’uva passa che mi dà più calorie“
Follow @guerci_mario

Rispondi