Skip to main content
Moderat Live

Sono andato a vedere i MODERAT @Circolo Magnolia / Astro Festival (Milano 24/06/2017)

Lo scorso 24 giugno il Circolo Magnolia di Milano ha ospitato il progetto musicale elettronico più interessante dell’ultimo decennio: i Moderat. Il trio tedesco è nato come fusione di due realtà berlinesi già affermate nel campo della musica elettronica: Apparat (Sascha Ring) e Modeselektor (Gernot Bronsert e Sebastian Szarzy).

Moderat Live
Moderat Live

Il caldo insopportabile, l’invasione di zanzare tigri che manco la giungla nera, lo stipamento appiccicaticcio della ressa umana e i miei vicini di pubblico che erano più molesti di un venditore di rose in Isola, non hanno intaccato la meravigliosa e devastante performance live del trio elettronico berlinese.

I Moderat dal vivo (prima volta che li vedo) sono un qualcosa di semplicemente perfetto. I brani proposti sono un susseguirsi di grandi successi, eseguiti con tecnica e accuratezza a dir poco perfetta; lo spettatore viene immerso in quelle particolari atmosfere che solo loro riescono a creare, sembra quasi di essere sospesi nello spazio e nel tempo.

L’elemento visual diventa quindi fattore fondamentale durante la performance live ed è un attimo cadere in uno stato di trance e lasciarsi andare a ondeggiamenti di capo e movenze carpiate.

I Moderat dal vivo sono un qualcosa di semplicemente perfetto. Lo spettatore viene immerso in quelle particolari atmosfere che solo loro riescono a creare, sembra quasi di essere sospesi nello spazio e nel tempo.

Non ci son tante parole per esprimere e descrivere cosa vuol dire partecipare dal vivo ad un concerto dei Moderat se non dire che è di un’intensità veramente forte. Lascio quindi che siano le immagini e i video a parlare (in apertura pure un pezzo del buon Gold Panda che comunque sa il fatto suo):

 

❤️Milano ?? #teambadkingdom #moderat #milano #berlin

Un post condiviso da Moderat (@moderat_band) in data:

GOLD PANDA

 

Gold Panda ? live ??#GoldPanda #Live #Milano #astrofestival2017 @circolomagnolia

Un post condiviso da InTheFlesh (@blogintheflesh) in data:

MODERAT

 

~ A New Error ?Moderat ~ • • • • @moderat_band @circolomagnolia #Moderar #Live #ANewError #AstroFestival #Milano #Music

Un post condiviso da Mario Guerci (@guermeri) in data:

 

@moderat_band live ⚡️ #Moderat #moderatband #astrofestival2017 #music #live #Milano

Un post condiviso da InTheFlesh (@blogintheflesh) in data:

 

Bad Kingdom @moderat_band live at @circolomagnolia #spettacolo ⚡️#AstroFestival #Moderat #Live #music #concerto #BadKingdom

Un post condiviso da InTheFlesh (@blogintheflesh) in data:

 

Ancora @moderat_band ??? #Moderat #Live #Milano

Un post condiviso da InTheFlesh (@blogintheflesh) in data:

 

?

Un post condiviso da InTheFlesh (@blogintheflesh) in data:

 

I @moderat_band sono un altro mondo ? • • • • #Moderat #Live @circolomagnolia #music #elettronica

Un post condiviso da Mario Guerci (@guermeri) in data:

Faccio solo un appunto finale sul festival:

Se da un lato bisogna rendere merito al Circolo Magnolia che è riuscito a portare all’interno di un mini festival di musica elettronica artisti molto importanti a livello internazionale, dall’altro lato però, non posso non fare degli appunti (da vero puntiglioso polemico) sul mediocre livello di organizzazione.

Audio e acustica scarsa, palco troppo piccolo, spazio per la platea mal gestito e anche qui troppo piccolo per ospitare così tanto pubblico, coda per qualsiasi cosa: sia per comprare il biglietto (evvabbè e li posso capirla), ma pure coda per ritirare il biglietto già comprato (forse ancora più lunga); in pratica l’unica cosa per cui non facevi la coda erano i bagni perchè tanto la gente approfittava della natura.   

A parte queste poche lamentele sterili rimane comunque il ricordo di una serata di grande musica fatta di sudore, luci, trance, balli, spintoni, punture di zanzare e tanta tanta emozione.

E direi che questo, alla fine, vince su tutto.

 

 

Mario

Laureato in economia, ma ciò che amo veramente è la musica e provo anche a scriverci qualcosa. “A Beethoven e Sinatra preferisco l’insalata, a Vivaldi l’uva passa che mi dà più calorie“ Follow @guerci_mario

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.