Skip to main content
Elton John Rocket Man

ROCKET MAN (I THINK IT’S GOING TO BE A LONG, LONG TIME) (Elton John 1972)

Rocket Man è un esempio lampante di canzone che se tradotta in italiano perderebbe tutto il suo perchè; pensate ad un qualsivoglia cantautore che grida a squarciagola: oooh sono l’uomo razzo… insomma…

A parte questa mia personale considerazione, I Think It’s Going To Be A Long, Long Time“, risulta essere una delle canzoni più belle in assoluto del vastissimo repertorio di Elton John. Scritta da Bernie Taupin ed interpretata da Elton John, si dice che Taupin ebbe l’ispirazione per il testo durante un viaggio in macchina: come dice il titolo stesso del brano, all’epoca imperversavano le missioni spaziali, ed è questo il senso della canzone.

Elton John
Elton John

La leggenda vuole che Elton John compose la melodia in soli 10 minuti.

Ciò che letteralmente sconquassa è l’attacco del ritornello, il cambio di ritmo e velocità introdotto da due battiti di percussioni ed un accordo di chitarra, poi parte con quel I Think It’s Going To….

“I miss the earth so much I miss my wife
It’s lonely out in space
On such a timeless flight

And I think it’s gonna be a long, long time
Touch down brings me round again to find
I’m not the man they think I am at home, oh no no no
I’m a rocket man, rocket man, burning out his fuse up here alone

And I think it’s gonna be a long, long time
Touch down brings me round again to find
I’m not the man they think I am at home, oh no no no
I’m a rocket man, rocket man, burning out his fuse up here alone

Mars ain’t the kind of place to raise your kid
In fact it’s cold as hell
And there’s no one there
To raise them if you did

And all this science I don’t understand
It’s just my job five days a week
A rocket man
A rocket man

And I think it’s gonna be a long, long time
Touch down brings me round again to find
I’m not the man they think I am at home, oh no no no
I’m a rocket man, rocket man, burning out his fuse up here alone”

La canzone è triste: posso vedere le stelle da vicino, posso volare nello spazio, gli altri credono che io sia speciale, ma non sono quello che voi pensiate che io sia; tutto questo non basta, tutta questa scienza non serve a niente. Il vuoto rimane; la ricerca di quel qualcosa continua.

Bellissima versione live, bruttissimo vestito:

 

 

 

Mario

Laureato in economia, ma ciò che amo veramente è la musica e provo anche a scriverci qualcosa. “A Beethoven e Sinatra preferisco l’insalata, a Vivaldi l’uva passa che mi dà più calorie“ Follow @guerci_mario

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.