Skip to main content

A TRIBUTE TO…JIM BELUSHI (BIG MEN, BIG MUSIC)

Prima o poi dovevo farlo: scrivere due righe in omaggio a Jim Belushi lo considero quasi un obbligo morale (sperando con tutto il cuore che non gli porti sfiga).

Istrione, fratello d’arte e musicista, è il cantante della Blues Brothers Band dal marzo dell’82 -anno della tragica scomparsa di “Brother Jake”- con lo pseudonimo di “Brother Zee”.
Basterebbe questo a giustificare il mio articolo, dato che stiamo parlando della band più figa della storia del cinema.

Jim e John Belushi

Di seguito un bel video live di una loro performance alla House of Blues di Atlanta, in cui She caught the katy viene dedicata, appunto, a Joliet-Jake Blues, il grande John Belushi: probabilmente il più folle animale da palco prestato al grande schermo che si ricordi.

Ma veniamo al punto: cosa c’entra Jim Belushi con me? La risposta è semplice: La vita secondo Jim è stato il mio corso fidanzati “profano”. A chi mi chiede com’è la vita da sposato rispondo: guarda quella serie e lo saprai! Anzi, guardala con la tua ragazza: se vedi che prova un’istintiva simpatia per Cheryl (la moglie ideale), allora è quella giusta!

La vita secondo Jim

Per il resto è un esilarante susseguirsi di situazioni verosimili, che mostrano che è possibile volersi bene, perdonarsi a vicenda ed essere contenti insieme, circondati da bambini che crescono.
Fateci caso: quando mai in TV o al cinema si mostrano famiglie felici? Praticamente mai. Ed è un peccato. Qui potete vedere alcune delle scene più divertenti della serie. Gli ammogliati potrebbero dirvi che molte di queste scene le han vissute davvero.

Certo, lontano dal set J.B. non è stato proprio un marito modello, ma questo non credo mi importi e, soprattutto, non credo infanghi ciò che di bello, artisticamente, è riuscito a comunicare.

Jim Belushi & SACRED HEARTS

La terza e ultima ragione per cui Il minore dei fratelli Belushi mi sta simpatico è che è un armonicista blues coi fiocchi: con i Sacred Heart, la band del telefilm, ha inciso due album e, col “fratello” Dan Aykroyd, un LP dal titolo oltremodo eloquente: Have love will travel – Big Men, Big Music.

Di seguito troverete un paio di brani da questi lavori, che vi dimostreranno che anche come musicista non se la cava affatto male…

 

 

 

Brian

Amo mangiare, bere, dormire e... Cosa mi distingue da un grosso orso? Pochi peli e l'amore per la musica. Genere preferito? Femminile, naturalmente! PS: sono marito, padre e professore, ma questa è un'altra storia...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.