Skip to main content

American Gods: recensione Pilot

Estetica e sperimentazione. Sono queste le parole che meglio descrivono questa serie TV, almeno per quello che sappiamo fin ora.

Tratta dal romanzo di Neil Gaiman e trasposta sul piccolo schermo da Bryan Fuller, American Gods stende già dal pilot con immagini curate e spiazzanti. Il protagonista Shadow Moon (il cui nome è già un programma) sta per uscire di prigione dopo aver scontato una pena di quasi tre anni, quando gli viene comunicata la morte della moglie. Nel viaggio della speranza del ritorno a casa per assistere al funerale della sua amata incontra strani personaggi come Wednesday (Ian McShane) che sembra saperne su di lui di quanto dovrebbe.

La nuova libertà di Shadow viene così sconvolta con il coinvolgimento in uno scontro tra vecchi déi come Wednesday e nuovi déi come il dio Social e il dio Denaro. I personaggi sono tutti molto interessanti e sembra che gli sceneggiatori abbiano molti colpi in canna. American Gods è sicuramente una serie a cui dare fiducia. Staremo a vedere!

Il primo episodio, uscito il 30 aprile, è disponibile in Italia su Amazon Prime Video.

QUI SOTTO IL TRAILER:

 

 

 

Elia

Giovane videomaker, aspirante sceneggiatore e DOP (no, non è una bestemmia). Appassionato di storie raccontate per immagini in movimento. Sono del parere che le cose vadano fatte per bene, nel giusto o nello sbagliato che sia. Fumo Camel, preferisco la birra ai drink e Tarantino mi fa sbroccare.

Rispondi