Skip to main content
Factory Girl

FACTORY GIRL (George Hickenlooper, 2006)

La giovane ereditiera Edie Sedgwick irrompe nel caos di una New York degli anni Sessanta. Li incontrerà l’artista Andy Warhol di cui diventerà musa e compagna.

Produzione: USA
Genere: Drammatico
Durata: 91 minuti
Regia: George Hickenlooer
Sceneggiatura: Jeremy Reed
Interpreti principali: Sienna Miller, Guy Pearce, Hayden Christensen

One person in the 60s’ fascinated me more than anybody I had never known.

The fascination I have experienced was probably very close to a certain kind of love.
– Andy Warhol – 

Penso che Edie Sedgwick fosse innanzitutto affascinante, così come scrive Warhol. Di quel fascino così carico di contrapposizioni che non ci si poteva non domandare, incontrandola, quale segreto avesse questa donna. Così sofisticata, disinvolta e magnetica da saper coscientemente non svelare, tra quei sorrisi artefatti, un costante tormento esistenziale che la rendeva vulnerabile e insicura.

Factory Girl 2

Factory Girl è un film-documentario che racconta il legame che si era instaurato verso la metà degli anni ’60 tra Andy Warhol, nel film Guy Pearce, e Edie Sedgwick, interpretata da un incredibile Sienna Miller. Un legame, fondato su una sintonia immediata, di tipo artistico prima che umano: solo guardandosi i due s’ispiravano vicendevolmente.Lei diventa ben presto la musa creativa di Warhol mentre lui il suo mentore in un mondo dissoluto e fatto di apparenze, che trova una sua sintesi imperfetta in quella che era la realtà della Factory.

Ex fabbrica trasformata da Warhol in un paradiso di creatività e delirio dove tutti i suoi amici e i più stretti collaboratori avevano la possibilità di condurre una vita di disordine e divertimento. Un microcosmo dove il tempo e lo spazio erano soliti mescolarsi alla trasgressione collettiva.

Factory  Warhol

Edie cerca di stare al passo con questo ritmo di vita così frenetico: fuma, beve, si droga, fino a quando incontra una rockstar – i riferimenti a Bob Dylan sono evidenti – di cui s’innamora perdutamente. Questo però andrà a ledere l’equilibrio tra l’artista troppo geloso, e la sua musa. Tra immagini e colori tutti pop art, tra bicchieri di martini e inquadrature introspettive, si consuma la vita tragica di una donna, la cui ascesa verso il successo è così veloce quanto la sua conseguente caduta.

Una donna che ha cercato nella sua breve vita (è morta all’età di soli 28 anni) di colmare un vuoto che si trascinava fino a quando era bambina. Voleva essere amata, voleva lasciare un segno indelebile nelle persone che incontrava, voleva scalfire il mondo.
Mi sono perso in questi 91 minuti di pellicola in questo suo desiderio così uguale al mio, in quel suo sorriso misterioso e in quel suo sguardo così pieno di ricerca.

Edie Sedgwick

Andy: Tu dici che la gente si ricorderà di noi?
Edie: Quando saremo morti?
Andy:
Edie: Penso che la gente parlerà di come tu hai cambiato il mondo.
Andy: Ah, chissà cosa diranno di te nel tuo necrologio. Ah è orribile, odio quella parola.
Edie: Niente di carino penso.
Andy: Ah ma dai, diranno … Edie Sedgwick bellissima attrice e artista …
Edie: … Matta come un cavallo …
Andy: .. Famosa per aver acceso la fantasia della gente …
Edie: … Liberandosi dalle grinfie della sua terrificante famiglia …
Andy: … Fece amicizia con tutto il mondo in tutti i modi …
Edie: … Creando caos e tumulti ovunque andasse. Divorziata da ogni marito che ha sposato, lascia solo pensieri affettuosi per tutti … Così è carino, no?…

 

 

Matteo

Non sono uno scrittore, non sono un giornalista, non sono un regista, non sono un attore e nemmeno un critico cinematografico. Sono un entusiasta che si appassiona molto a cose che non è capace di fare. Sono, penso, uno bravo a guardare: i film soprattutto. Ah certo, fumo come un turco ma dico che sto cercando di smettere.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.