Skip to main content

THIS IS THE TIME (Savatage, 1990)

Questo è uno dei brani più intensi e veri che io abbia mai ascoltato, non solo rispetto alle altre canzoni metal, ma in assoluto.

È un invito a vivere intensamente le circostanze contingenti, il presente, e non lo fa descrivendo una tersa giornata di sole, ma un contesto quasi disperato: la guerra a Sarajevo, di fronte alla quale ogni nostro piccolo problema quotidiano appare notevolmente ridimensionato.

 Guerra in Bosnia

I due protagonisti del concept album “Dead winter dead” (capolavoro) si ritrovano a pensare alla loro situazione:

Watching in silence, I hesitate: It was not in the plans

All of our lives we could only wait: It was out of our hands

And every war where we took the day, it was all in our heads

And though in the dark we dream at night, they were better unsaid

 

E più avanti:

 

We placed our years in the hourglass, they were never unearned

And we seemed destined to watch them pass – it was never our turn

 

Eppure, inizialmente come una debole convinzione, evidenziata musicalmente dal “pianissimo” e dal cambio di tonalità, e poi urlato con la potenza di un inno, esplode il ritornello:

 

But this is the time and this is the place

And these are the signs that we must embrace

The moment is now, in all history

The time has arrived and this is the one place to be

 

Nulla va come vorremmo, non è mai il nostro turno, eppure non c’è nessun altro posto per noi nella Storia se non questo.

Quanti intellettuali hanno odiato il loro tempo! Quanti sono morti pieni di rabbia, di nostalgia, con la testa piena di sogni utopici!

D’altronde quante volte ho sentito cantanti urlare al mondo che è “Qui e Ora” il luogo giusto per noi? Che ci sono dei segni, nella realtà, che dobbiamo non solo accettare, ma abbracciare? Poche.

isis-convoglio

Nel mio piccolo, non so dirvi le volte in cui, come una luce nel buio, mi sono tornati in mente questi versi: dopo delle delusioni, in momenti di tristezza, di disillusione… Al posto di scappare, ho iniziato a canticchiare queste parole.

E ho scoperto che molti cattolici che oggi muoiono a causa della loro fede, queste cose ce le hanno ben chiare.

Brian

Amo mangiare, bere, dormire e... Cosa mi distingue da un grosso orso? Pochi peli e l'amore per la musica. Genere preferito? Femminile, naturalmente! PS: sono marito, padre e professore, ma questa è un'altra storia...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.