Skip to main content

PIZZICA DEGLI UCCI (Notte Della Taranta 2003)

La Notte Della Taranta è un festival che ogni anno si ripropone in diversi comuni del salento. Il repertorio è quello popolare tradizionale della pizzica salentina;

Non entro nel dettaglio della cultura musicale di queste zone ma la cosa che mi interessa è che guardiate con attenzione questo video:

1- Ogni volta mi chiedo: com’è possibile che Stewart Copeland (batterista e fondatore dei The Police) sia finito lì?!

E’ eccezionale vedere quanto si carichi nel suonare, cioè è lì, a caso, in mezzo a dei pazzi salentini; ma si diverte come un matto!

Stewart Copeland
Stewart Copeland

2- Quando ascolto questa canzone non riesco a stare fermo, c’è una quantità di strumenti diversi messi assieme alla perfezione. Guardando il video è ancora più chiaro; sembra quasi che tutto il palco stia ballando a ritmo di tamburelli, batteria, percussioni e violini.

3- Le voci femminili sono stupende e soprattutto verso metà del terzo minuto quando la più “prosperosa” delle tre rientra in scena attaccando la strofa finale, è da pelle d’oca.

Il testo è a me quasi incomprensibile, il bello è che quindi ognuno può dare una propria interpretazione. Secondo me racconta di una storia d’amore (strano).

“…e lu tamburieddhu
ca lu tamburieddhu meu vinne de Roma
ca mannaggia ci lu canta
na mannaggia ci lu canta
ca mannaggia ci lu canta
e ci lu sona
e ma ci lu sona ma ci lu sona
ca mannaggia ci lu canta
e ci lu sona.

E comu ballati bellu tutti doi
comu na coppia
de basilicoi.

E ballati cu bu casciane li piedi
e de sotta le scianucchie pari pari.

E nun aggiu vistu mai do’ cori uniti
e come simu nui doi li sventurati.

E aggiu fare l’amore cu na piccinna
e minata sullu liettu chiama mamma.

E aggiu fare l’amore cu ci capisce
e sente la voce mia la riconosce.

E dici ca nu me voi ca nu su bella
e a ‘n addhu amante li pariu na stella.

E nun aggiu né mangiatu né bevutu
ca sempre ‘lli toi bellizzi
aggiu pensatu.

E si piccolina e teni la vocca a risu
e beatu ci te dae lu primu baciu.

E lu primu baciu
lu ‘nfili ma cu lu filu
e cridi Ninellu miu si carceratu.

E dammelu a mie ca me l’ha ‘mprumisu
ca se no me fai morire disperatu.

E lu tamburieddhu meu vinne de Roma
ca mannaggia ci lu canta
e ci lu sona.

E tutti me lu vantara lu trappitu
e me lu vantava
ci nu era statu.

E quandu iu scei a ddhai
‘cchiai ‘n omu stisu
ca de sette parmi menzu mmesuratu.

E t’aggiu dare nu vasu getta focu
e cu te lu teni pe ricordu miu.

E lu carceru de Lecce è cruci cruci
e de lu luntanu passane l’amici.

E comu aggiu fare ca volìa te vasu
e pijate la paletta
e va allu focu.

E se te dice la mamma c’hai
na dinne ca è stata
na spitta de focu.

La mamma de la zita
è na bona donna
cent’anni me paria
la chiamu mamma.
Ahi Caterina, bim, bum, undici!!!”

Magari ho suscitato in voi un interesse verso la musica salentina; e penso che debba esser super divertente partecipare ad uno di questi festival.

Buon ascolto!

Mario

Mario

Laureato in economia, ma ciò che amo veramente è la musica e provo anche a scriverci qualcosa. “A Beethoven e Sinatra preferisco l’insalata, a Vivaldi l’uva passa che mi dà più calorie“ Follow @guerci_mario

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.