Skip to main content

STOP YOUR FUSSIN’ (Toni Childs 1988)

*La canzone di oggi è un prezioso contributo di una mia cara amica, Marta. Così come lei l’ha proposta a me, io la ripropongo a voi.

Pezzo allegro ma non disincantato, “Stop Your Fussin” esce nel 1988 nell’album “Union”, il primo della cantante californiana.

A 15 anni Toni se ne va di casa per diventare una musicista, ma è solo dopo aver assistito nel 1972 a un concerto dei Pink Floyd che decide di darsi tutta alla musica e ai testi delle sue canzoni.

Curiosità : Cantò in un gruppo, I “Toni and the Movers”  in cui c’era Jack Sherman, poi chitarrista dei Red Hot Chili Peppers e Michael Steele delle Bengles.

Tony Childs

“Why you look so sad when the sky is perfect blue 
And you’re getting everything you ever wanted to? 
Let’s no talk about the bad times 
We’ve been thought that before 
It’s not right for making love anymore. 
So stop your fussin’ 
Boy Please 
Stop your fussin’ 
Boy 
Your time will come 
Yes 
Your time will come. 
Can you lay me down in meadows soft and green? 
And can you lay me down and talk to me of things 
Like stars that burn into the night 
And moons that turn with purple lines. That’s what I want! 

Can’t you just stop your fussin’ 
Boy Please 
Stop your fussin’ 
Can someone tell me why it is 
How we could spend so many lonely years. 
There’s a light at the end of life 
It’s enough 
It’s enough 
It’s enough 
It’s enough to try. 
We can see it in your lifetime – we can see the light – 
We can see it in your lifetime – we can feel the warmth – 
We can see it in your lifetime – we can see it shine – 
We can see it in your lifetime – we can see it all – “.

Quel che Toni ci dice infondo è solo di guardare a tutto quel che c’è e di smetterla di lamentarci! Ma la domanda iniziale è sempre valida, e viene riproposta anche alla fine, “perché sembri così triste se il cielo è così azzurro e hai ottenuto tutto quel che volevi?”

Smetterla di lamentarsi e tenere aperta questa domanda è la sfida di questa canzone e di questa giornata.

Buon ascolto!

Marta

Mario

Laureato in economia, ma ciò che amo veramente è la musica e provo anche a scriverci qualcosa. “A Beethoven e Sinatra preferisco l’insalata, a Vivaldi l’uva passa che mi dà più calorie“ Follow @guerci_mario

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.