Skip to main content

WALTER GATTI – Una nuova prospettiva musicale

Ho scelto di intitolare questo pezzo col motto di intheflesh.it non a caso.

Questo è il contenuto di un incontro tenuto dal giornalista Walter Gatti, il 26 maggio 2014 e pubblicato per la prima volta sul sito del centro culturale “Gli scritti”, il 19 ottobre (trascrizione a cura di Giulia Balzerani).

Walter Gatti
Walter Gatti (in piedi a sinistra)

Ho chiesto al relatore di poterlo condividere su intheflesh.it, perché penso che il suo modo di accostarsi alla musica sia quello che anche noi cerchiamo di seguire: continuare incessantemente a domandarci “perché mi piace quel che mi piace?” e “cosa mi muove in quel che mi emoziona?”.

Due domande decisive che aprono, come è stato per noi, una “nuova prospettiva musicale”.

Per chi avesse intenzione di approfondire la conoscenza di Walter Gatti giornalista, consiglio una manciata di suoi libri che ho riletto di recente e che indubbiamente hanno educato il mio modo di ascoltare musica.

Per la casa editrice Itaca: “Help, il grido del rock”, “Cosa sarà, la ricerca del mistero nella canzone italiana” e “Amazing Grace, canzoni di storie di gospel, blues, soul e folk music”. Per la casa editrice Lindau: “La lunga strada del rock – canzoni, desideri, religiosità nelle storie di un cronista musicale”.

Buona lettura!

Qui il link all’articolo:

http://www.gliscritti.it/blog/entry/2721

 

Brian

Amo mangiare, bere, dormire e... Cosa mi distingue da un grosso orso? Pochi peli e l'amore per la musica. Genere preferito? Femminile, naturalmente! PS: sono marito, padre e professore, ma questa è un'altra storia...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.